26Lug2021

Ancora sulla possibile responsabilità del committente per la gestione dei rifiuti prodotti dall’appaltatore

Con ordinanza n. 16975 del 16.06.2021 La Cassazione ribadisce che, nell’ambito dei contratti d’appalto, la responsabilità per la corretta gestione dei rifiuti grava anche sul committente se egli si ingerisce nella gestione dei rifiuti affidata all’appaltatore.

Nei contratti d’appalto è sempre stato problematico verificare chi, tra appaltatore e committente, sia da qualificare come produttore dei rifiuti generati dall’attività appaltata. La nozione vigente di “produttore”, come modificata dal D.L. n. 92/2015, individua come tale «il soggetto la cui attività produce rifiuti e il soggetto al quale sia giuridicamente riferibile detta produzione (produttore iniziale) o chiunque effettui operazioni di pretrattamento, di miscelazione o altre operazioni che hanno modificato la natura o la composizione di detti rifiuti (nuovo produttore)» (art. 188 d.lgs. n. 152/2006).

Dopo un contrasto giurisprudenziale sul significato da attribuire alla congiunzione “e”, la più recente giurisprudenza della Cassazione penale sembra essersi assestata nel ritenere che l’appaltatore sia, di regola, il produttore (materiale) del rifiuto, e che anche il committente possa però essere qualificato come produttore (giuridico) in caso di sua ingerenza, direzione o controllo (previsto contrattualmente o che si realizza di fatto indipendentemente dall’esistenza di uno specifico accordo) nella gestione dei rifiuti materialmente prodotti dall’appaltatore (cfr. ex multis sent. n. 5916/2015 e 11029/2015).

Il testo completo dell'articolo può essere letto integralmente a questo link.

 

 

 

 

Pin It
Sabato 23 Ottobre 2021

Ricerca nel sito

ASLA Social

Eventi ASLA

I nostri siti


Iscrizione notiziario

Login